,

Tatuaggi & Piercing: cosa devi sapere

In passato erano utilizzati da molte culture, per contraddistinguere i ceti o i ranghi sociali. Nella socità moderna i tatuaggi vengono utilizzati principalmente a scopo decorativo, anche se ognuno di noi è legato al suo tatuaggio da una storia, o un evento, positivo o negativo che sia.

Hai deciso di fare un tatuaggio? Leggi!

Ma cosa c’è da sapere prima di passare “ai fatti”, e regalarsi un bel tatuaggio? Anzitutto si deve riflettere bene sul fatto di essere veramente decisi a farne uno. Un tatuaggio è come un diamante…. è per sempre.

Se si nutre ancora qualche dubbio, ma non si vuole rinunciare a sfoggiare un tatuaggio, meglio optare per un tatuaggio semipermanente, che in pochi mesi non lascerà più alcuna traccia del suo “passaggio” nel nostro corpo. In questo modo, se non sarete soddisfatte del risultato, in pochi mesi lo potrete rimuovere senza alcun problema.

Tatuaggio: dove farlo?

Se siete proprio decisi, sicuri, impertterriti nel voler un nuovo tatuaggio, allora pensate bene prima di tutto alla parte del corpo che tatuerete. Pensate a quando sarà trascorsa qualche decina d’anni da quel tatuaggio…. Sarete ancora fieri di sfoggiarlo?

Dipende. Qualcuno lo sarà, a qualcuno potrebbe creare qualche imbarazzo. Per questo è bene scegliere con molta attenzione dove “alloggerà” il vostro ornamento tatuato sulla pelle.

E’ preferibile scegliere un posto che ci dia la possibilità di nasconderlo con i vestiti. L’ideale è la spalla, l’inguine, o una caviglia.

Leggi anche: Il significato dei tatuaggi

Scegliete un disegno che rispecchi effettivamente la vostra personalità. Ma soprattutto non invadete il vostro corpo di piercing o tatuaggi!

Ci sono alcune prassi molto importanti da eseguire, per non incorrere in infezioni.

Assicuratevi che,  chi vi eseguirà il tatuaggio sia una persona competente. Un tatuaggio mal riuscito, sarà davvero difficile da rimediare. Assicuratevi che vengano utilizzati aghi mono-uso, che devono rigorosamente essere aperti davanti ai vostri occhi.

Controllate la stanza dove farete il vostro disegno. E’ pulita?

Assicuratevi inoltre di non soffrire di allergie alle sostanze coloranti utilizzate; se siete particolarmente sensibili, meglio fare prima una piccola prova. Fatelo presente al tatuatore!

Leggi anche: Tatuaggi di coppia

Trattamento post-tatuaggio

La cicatrizzazione di una pelle tatuata, richiede poche settimane di tempo per guarire. Se non si è soggetti particolarmente sensibili, già dopo una decina di giorni, la pelle sarà guarita.

Appena fatto il tatuaggio, vi sarà detto di applicare più volte al giorno della crema idratante, o meglio ancora della vasellina (ma va benissimo anche la classica nivea, da mettere ogni 3 ore circa). Questa serve per ammorbidire la pelle che inevitabilmente “tira”.

Il disegno sarà coperto con una benda, da tenersi per circa 3 ore. Passato questo tempo, è bene lasciarlo scoperto per far “prendere aria” alla pelle.

Per almeno una settimana, è bene evitare l’esposizione al sole. Per questo motivo, è raccomandabile eseguire un tatuaggio nel periodo invernale/primaverile.

Il piercing sul corpo

Il piercing è una tecnica che consiste nel perforare parti del corpo, con lo scopo di decorare la parte con oggetti in metallo. Al giorno d’oggi ne vediamo di tutti i tipi. All’ombelico, sul labbro, sulla lingua, sulle parti intime!

Anche per il piercing, valgono le stesse regole igieniche, anche se i tempi di cicatrizzazione possono essere molto più lunghi (possono durare anche qualche mese).

Anche qui si deve fare molta molta attenzione alla sterilizzazione degli aghi, ed alla pulizia dell’ambiente. Una delle malattie più diffuse in questo campo è infatti l’epatite.

Se siete convinte di voler sfoggiare una di queste decorazioni, allora perchè no?

Un piercing, a differenza di un tatuaggio, è una decorazione removibile. Una volta che vi stuferete di questo ornamento infatti, potrete semplicemente togliorlo. Ricordatevi però, che il foro non sparirà mai del tutto. per questo, anche in questo caso, è meglio non esporsi troppo.

E’ preferibile farlo in zone come l’ombelico, oppure sul naso. Sono zone dove si potrà nascondere facilmente il foro, nel caso si cambi idea.

Buona decorazione a tutte (sempre se siete ancora convinte di volerlo fare!).

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trucco per Halloween: idee make up da copiare

Cosmesi fatta in casa