,

Preparare la pelle per l’abbronzatura

La primavera è ufficialmente arrivata! Le giornate si allungano, la temperatura sale, sbocciano i fiori, gli uccellini cinguettano…e tra un paio di mesetti si va al mare! Pronti per la prova costume?

Come preparare la pelle per l’estate

Abbiamo passato un inverno intero ad allenarci duramente aspettando questo momento. I primi giorni in spiaggia sono i più divertenti, un po’ per la goffaggine dopo tanti mesi rintanati sotto le coperte, e un po’ per tutte le mozzarelline che camminano più o meno disinvolte. Si, perché prima di diventare dei carboncini si parte un po’ tutti alquanto pallidi, no?

Divertimento e risate del momento a parte, non c’è niente da scherzare: la pelle è molto vulnerabile, e cominciare ogni estate con una scottatura non è cosa gradita alla cute.

Come possiamo preparare la pelle per l’estate?

C’è chi suggerisce un paio di lampade abbronzanti leggere per preparare il derma, in modo tale da essere già “scudato” per le prime esposizioni solari. Altri, sostengono che siano in ogni caso dannose, anche se lievi. Inoltre, non sono molto utili, perché vanno a stimolare solo la melanina superficiale e durano quindi poco. Esistono comunque altri rimedi per ottenere un’abbronzatura da invidiare, rimanendo comunque protette.

Prima di tutto, iniziate a mangiare sano. Abbondate pure con arance, pomodori, carote (ricche del beta carotene, che stimola la produzione di melanina), kiwi e tutti quegli alimenti e bevande drenanti che fanno fare “plin plin”, ad esempio l’ananas o il thè verde, così eliminerete tutto ciò che è in più e che nuoce all’organismo. E non dimenticate, ovviamente, di bere molta molta acqua, perché se mangiate 15 pomodori al giorno ma non bevete una goccia di liquidi siamo punto a capo.

Questo per quanto riguarda l’interno. Per preparare la pelle dall’esterno, è doveroso un bel trattamento di pulizia e idratazione sia per il viso che per il resto del corpo (è importante distinguere le due zone!). Attenzione, non lanciatevi come piccioni affamati sui primi prodotti che vi capitano, potreste danneggiarvi e buttare via soldi inutilmente! Siate pazienti, e cercate prima di tutto di capire che tipo di pelle sia la vostra, e poi valutate quali siano i prodotti più adatti alle vostre esigenze.

Leggi anche: Pelle levigata per un’abbronzatura perfetta

In generale, uno scrub non fa mai male per dare una boccata d’aria all’epidermide; la crema idratante è sempre ben accetta ed è una buona base per tutti; per le pelli a tendenza grassa è consigliabile un cosmetico sebo-riequilibrante, mentre se è troppo secca e squamosa abbondate con la vecchia amica crema idratante (senza esagerare, se no il risultato sarà un viso untuoso e lucido! Ne basta poca ma spesso). Ovviamente per i primi giorni di sole è cosa buona mettere una protezione alta! Non preoccupatevi, non prenderete molto sole, ma date il tempo alla pelle di abituarsi.

Molto importante è tenere sotto controllo i nei grossi, sporgenti e irregolari, perché alcuni possono essere dei melanomi e con il sole non migliorano di certo. Fate dunque una visita di controllo e, se opportuno, comprate una crema solare stick fatta apposta per questi problemi (ne ho provata una della Vichy a protezione totale perché, appunto, mi hanno asportato un neo e dovevo proteggere la cicatrice…funziona benissimo! Pazienza per il pallino bianco, preferisco la mia salute).

Succo del discorso: a ciascuno il suo prodotto, ma a tutti tanti tanti liquidi e sali minerali!

Infine, eccovi la ricetta per una naturale, nutriente ed economica crema abbronzante:

  • – spremete un limone
  • – aggiungete una quantità doppia a quella del succo di olio extra vergine di oliva
  • – mettete in un flacone e agitate bene
  • – pronto all’uso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

il significato dei tatuaggi

Tatuaggi che passione!

Occorrente per una ricostruzione unghie fai da te