Le proprietà dei Sali del Mar Morto

I sali del mar Morto, benefici da scoprire!

La scorsa settimana, al centro commerciale Città Fiera di Udine, io ed un’amica ci siamo imbattute in una di quelle commesse “volanti”, che escono dai confini del negozio per mostrare i loro prodotti e tentare di aumentare le vendite.

Questa volta, però, la dimostrazione è stata molto utile! A parte il set di cura per le mani assai grazioso (limetta, olio per cuticole, crema mani & corpo molto profumata… Lo abbiamo comprato!), la gentile signorina ha tirato fuori l’asso nella manica: un super barattolone di scrub! Stando a quanto c’è scritto, è stato realizzato con i sali del Mar Morto.

Leggi anche: Sali del mar morto – Cosa sono e cosa fanno

I sali del mar morto: scopri le sue preoprietà

Questo particolare mi ha incuriosita parecchio perché, nella mia ignoranza, credevo che il sale non potesse dare benefici alla pelle in alcun modo, dato che asciuga l’acqua necessaria alle nostre cellule. Mi sono quindi documentata, e ho scoperto molte cose su questo Mare dal nome poco entusiasmante.

Tanto per cominciare, il Mar Morto è situato tra Israele e Giordania, luoghi parecchio caldi.

sali del mar morto
I sali del mar morto

C’è quindi una forte evaporazione, in aggiunta al fatto che l’acqua non viene “cambiata” dai corsi d’acqua effluenti. Ciliegina sulla torta, ha una salinità del 240%, 7-8 volte superiore rispetto a quella di un mare normale!

Potete immaginare quanto residuo lasci l’acqua una volta evaporata. Ma la caratteristica straordinaria è la presenza del cloruro di magnesio (32%), del potassio (25%) e del bromo, tutte componenti che male non ci fanno; quindi il cloruro di sodio (il sale che usiamo ogni giorno in cucina), non ha proprio niente a che fare con il Mar Morto!

Non sono acque nemmeno inquinate, in quanto vengono vietati gli insediamenti industriali ed il transito di barche, o altri enti che possano contaminare questo paradiso del benessere.

I sali del mar morto nell’antichità

Attenzione, tutto questo non è una novità! Prima di noi ci era già arrivato nel II° secolo d.C. Claudio Galeno. Il medico greco consigliava i trattamenti nel Mar Morto a chi soffriva di reumatismi. Oltre a questo, agiscono contro acne, dolori muscolari, seborrea, prurito, pelle secca e, udite udite, anche contro la cellulite!

Simili benefici sono resi possibili prima di tutto dai grani del sale che, come un qualsiasi scrub, rimuovono le cellule morte e massaggiano la pelle, attivandone la circolazione e rendendola quindi più elastica, giovane e pulita. In secondo luogo, se utilizzate il trattamento nella vasca facendolo sciogliere, la soluzione che si viene a creare è molto più salata rispetto a quella che c’è dentro al nostro corpo.

Di conseguenza, viene attivato un meccanismo di interscambio attraverso la pelle, in cui i sali minerali esterni entrano per regolarizzare la soluzione endogena, e contemporaneamente il nostro organismo rilascia le tossine a noi dannose.
L’atmosfera che si viene a creare (il profumo dei cosmetici, il tepore dell’acqua, il massaggio dei grani di sale) contribuisce ad un rilassamento generale, magari dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro.

Risultato? Puliti dentro e belli fuori!

I prodotti per queste cure sono venduti in erboristeria, farmacia, siti web, negozi per la cura e la bellezza (come Bottega Verde, ad esempio). I prezzi variano: potete trovare la super offerta 2×1 oppure sborsare 60€ per un barattolo medio. Sono del parere che anche una sottomarca, se prodotta con componenti naturali, possa andare benissimo; così facciamo del bene a noi…e al nostro portafoglio!

Puoi acquistare i sali del mar morto ad un prezzo speciale su Amazon seguendo il link che ti abbiamo indicato.

Potrebbe piacerti anche: Curarsi nelle grotte di sale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *