,

Mamma a 50 anni

Il lavoro manca. Le donne si sposano sempre più tardi. Prima viene la carriera, e dopo, se si è fortunati, si pensa a mettere su famiglia.

Sul sito del ministero della salute, si legge che, secondo uno studio svoltosi nel 2004, l’età media delle donne italiane che danno alla luce il loro primo figlio è di 30 anni (ed anche oltre), quella delle mamme di origine straniera, che rappresentano il 18% delle partorienti e provengono prevalentemente dall’Europa dell’Est, è di 26 anni.

Le mamme con meno di 20 anni risultano essere nubili nel 60% dei casi, mentre la percentuale di donne coniugate diminuisce drasticamente fra le partorienti con meno di 20 anni.

Per quanto riguarda la condizione lavorativa, il 60% delle donne italiane ha un’occupazione.

L’Italia è la nazione con il più basso livello di prolificità per donne in età fertile (1,26 bambini per mamma la media). In Francia, paese con una popolazione del tutto simile a quella italiana, nel 2002 sono nati 767000 bambini, contro i 539000 dell’Italia (circa il 30% in meno).

Recenti casi di donne che hanno scelto di diventare madri nonostante l’età avanzata, sono quelli di Gianna nannini (54 anni, ed alla prima gravidanza), Monica Bellucci (diventata mamma per la seconda volta a 43 anni), Heather Parisi (mamma di due gemelli a 50 anni)….

Quello che ci chiediamo noi, adesso, è se è giusto scegliere di diventare mamme oltre i  50 anni?

Senza mettere in dubbio il fatto che una donna possa essere una brava mamma ad ogni età, è giusto andare così contro natura?

Segui la discussione nel forum, e condividi il tuo parere

1 Commento

Che ne pensi? Lascia un commento
  1. Non sono d’accordo ad avere figli in tarda età, ne troppo presto, spesso i ragazzi hanno bisogno di avere genitori giovani e preparati, devono vedere vicino a se quasi un coetaneo, che li guidi e li capisca, che abbiano una mentalità giovanile. In questa società molto superficiale, fatta di immagine, i ragazzi sono portati ad imitare i loro amici, spesso non in modo corretto, e un genitore giovane ha più propensione a capire e a correggere gli eventuali errori. Il genitore giovane è un amico, più che un genitore, i ragazzi tendono a confidarsi di più che con un genitore anziano, che invece fatica a comprendere il cambiamento dei tempi e della moda.
    Ho 48 anni e ho 2 figli il primo ne ha 28 e la seconda 22, sono sempre stata la mamma amica, e non c’è cosa che i miei figli non mi abbiano detto, scambiando con me pareri e chiedendo consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I 1000 pregi del Limone

Alito cattivo? Bevi il latte!