,

Come rimuovere lo smalto semipermanente

Smalto sempipermanente, come rimuoverlo

Molte donne appassionate di nail art, tra i vari trattamenti di manicure, amano applicare sulle loro unghie lo smalto semipermanente; quest’ultimo ha il vantaggio di durare un paio di settimane, di non danneggiare le unghie e di donare alle stesse un aspetto brillante e naturale, al contrario di quanto avviene, ad esempio, in altri lavori di nail art, come le ricostruzioni effettuate con il gel.

I rischi di una rimozione senza cura dello smalto

Rimuovere lo smalto semipermanente senza la necessaria attenzione può creare problemi alle unghie; in particolare, queste ultime possono indebolirsi, spezzarsi, oppure essere soggette ad inaspettate reazioni allergiche, in grado di impedire altri lavori di nail art per un lungo periodo.

Cosa utilizzare per una corretta rimozione dello smalto semipermanente

Per togliere lo smalto semipermanente sarà necessario ricorrere ai seguenti strumenti, utilizzati sovente nelle operazioni di manicure: un solvente (anche senza acetone), del cotone idrofilo, una lametta, delle garze (o, in sostituzione, dei dischetti di cotone), qualche bastoncino in legno per la manicure e della carta stagnola (del tipo impiegato in cucina).

Smalto semipermanente

Come effettuare la rimozione dello smalto semipermanente

La prima cosa da fare è creare, con la carta stagnola, 10 strisce di alluminio, che andranno applicate una per dito. Prendere i dischetti, o il cotone idrofilo, e bagnarli con il solvente, posizionandoli esattamente sopra alle unghie, premendo per farli aderire perfettamente; ogni unghia dovrà avere il suo dischetto, o il suo pezzetto di cotone. Avvolgere la stagnola su ogni dito (come se si trattasse di un cerotto), lasciando in posa per almeno 15 minuti; se si ha necessità di usare le mani in questo periodo di tempo mettere dei guanti in lattice, per non rischiare di perdere la stagnola.

Trascorso il quarto d’ora rimuovere quest’ultima e il cotone sottostante e, con una cuticola, sollevare lo smalto dalle unghie. Evitare di liberare tutte le dita nello stesso momento; provare con un dito alla volta e, solo dopo aver verificato che lo smalto possa effettivamente essere rimosso, procedere con le altre (in caso contrario attendere altri 5 minuti). Una volta terminata l’operazione è possibile procedere con una semplice manicure per ritornare ad avere delle unghie perfette in attesa di altri lavori di nail art.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Allattamento: cosa mangiare?

Abbronzatura spray: guida